Napoli, fondata dai Greci 2.500 anni fa, vanta una storia che si intreccia col mito fin dalle origini. La sirena Partenope, affranta dal rifiuto di Ulisse che non accettò il suo amore, si lanciò in mare dall’alto di una roccia.

Le onde trasportarono il suo corpo fino al Golfo di Napoli, dove si infranse contro le rocce tufacee dell’isolotto Megaride. Qui oggi si staglia la sagoma del più antico maniero della città: Castel dell’Ovo. Dissolvendosi, Partenope assunse le sembianze della città. Si narra che la sua testa sia la collina di Capodimonte, e che la possente coda si estenda lungo la costa di Posillipo.

Castel dell’Ovo punteggia lo skyline del Golfo di Napoli e chiude dal lato del porto, la bellissima passeggiata sul Lungomare che parte da Mergellina e arriva fino a Santa Lucia, lambendo la Villa Comunale.

Il Tour dei Musei parte da via Duomo imboccata da Piazza Nicola Amore, detta anche “I Quattro Palazzi”, collegata anche da una fermata del Metrò dell’Arte. Salendo si arriva al Museo Civico Gaetano Filangieri, ospitato in Palazzo Como, un edificio di epoca rinascimentale. Nelle sale è esposta una collezione di più di 3000 oggetti fra maioliche, porcellane, biscuit, avori, armi, armature, sculture e dipinti. Nella quadreria si ammirano opere di Jusepe de Ribera, Luca Giordano, Andrea Vaccaro, Battistello Caracciolo, Mattia Preti.

Proseguendo si arriva al Museo del Tesoro di San Gennaro in cui è esposto un patrimonio prezioso che supera per valore e magnificenza quello della Regina d’Inghilterra.

Imperdibile tappa nella Cattedrale, che ha al suo interno la Cappella del Tesoro di San Gennaro, in cui è custodito il sangue del patrono della città, dove ogni anno si rinnova il prodigio della liquefazione. Dopo aver ammirato le navate ricche di affreschi di Luca Giordano e la Basilica di Santa Restituta di epoca paleocristiana, si prosegue per il Museo d’Arte Contemporanea Donnaregina – Madre, che nelle sale ospita una ricca collezione di opere firmate dai più grandi artisti contemporanei.

Da qui, dopo una breve passeggiata si arriva al MANN, Museo Archeologico Nazionale di Napoli, per ammirare le statue della Collezione Farnese e gli eccezionali reperti rinvenuti nelle aree di Pompei e Ercolano. Capolavoro tra i capolavori, il mosaico della battaglia di Isso, “fotogramma” che immortala Alessandro Magno che in groppa al suo Bucefalo si scaglia contro il re persiano Dario.

Il percorso museale si corona con la tappa al Museo di Capodimonte, ubicato nell’omonima Reggia edificata nel periodo borbonico e circondato da un parco rigoglioso e panoramicissimo. Qui, oltre all’Appartamento Reale, si possono visitare alcune delle collezioni più ricche di quadri del Seicento e del Settecento napoletano, un allestimento di arte contemporanea, oltre al Bosco e ai Giardini reali.

Per chi ama immergersi nell’atmosfera della Napoli autentica, il Centro Storico, Patrimonio Immateriale dell’Umanità per l’Unesco, è imperdibile. Si sviluppa sui due Decumani greci ed è un vero e proprio museo a cielo aperto, ricco di chiese e monumenti. Si può passeggiare nei vicoli e nelle piazze dominate da palazzi storici come il Pio Monte della Misericordia, che custodisce Le Sette Opere di Misericordia del Caravaggio. Pittoresca e ricca di fascino la visita a San Gregorio Armeno, la via dei presepi fatti a mano, in cui famiglie di artigiani si tramandano l’arte di costruire scenografie sacre da generazioni.

Per una suggestiva passeggiata serale si può scegliere, salendo dal belvedere di Santa Lucia, di attraversare piazza del Plebiscito circondata dal colonnato illuminato della chiesa di San Francesco di Paola e arrivare fino al Teatro San Carlo per assistere ad una delle opere che arricchiscono il programma lirico. Da qui dista pochi metri piazza Municipio in cui svettano le torri e l’arco trionfale del celebre castello del Maschio Angioino.

Anche la Napoli collinare ha un suo fascino, raggiungibile con la linea 1 della metropolitana, la famosa Metrò dell’Arte, le cui stazioni sono una “galleria” di opere di grandi artisti contemporanei. Il Vomero, quartiere elegante della città, è attraversato da via Scarlatti importante strada dello shopping. Molto interessanti le visite al Museo della Floridiana, a quello di San Martino, quest’ultimo si trova all’interno di Castel Sant’Elmo, fortezza che domina tutto il Golfo.